Al via a Modugno un progetto di rete per il CONTRASTO AGLI SPRECHI ALIMENTARI

E' stato approvato nei giorni scorsi, dalla Regione Puglia, un progetto sperimentale di contrasto agli sprechi alimentari, presentato dall'Ambito Territoriale BA10 (di cui Modugno è il Comune Capofila) e promosso dai seguenti tredici attori del terzo settore operanti nei territori d'ambito di Modugno, Bitetto e Bitritto: 'WWF ALTA MURGIA', 'LA PIETRA SCARTATA', 'PIAZZA PUBBLICA', 'VIVERE A COLORI', 'BOAZ-ONLUS', 'UNIVERSITA' DELLA TERZA ETA' - CENTRO STUDI E RICERCA ROSALBA BARNABA', 'ASSOCIAZIONE CULTURALE SETTANTAZEROVENTISEI', 'PARROCCHIA SAN MICHELE ARCANGELO', 'PARROCCHIA dell' IMMACOLATA', 'PARROCCHIA SAN PIETRO APOSTOLO', 'PARROCCHIA SANT'AGOSTINO', 'PARROCCHIA SANTA MARIA DI COSTANTINOPOLI'.

In ragione dell'ammissione a finanziamento, i soggetti coinvolti dovranno gestire nell'insieme e in base alle schede progettuali un finanziamento totale di 50.000 euro.
Tanto è stato possibile grazie alla conclusione con esito favorevole della partecipazione delle predette associazioni e parrocchie -  su impulso dell'Ufficio di Piano di Modugno che ha raccolto le proposte e presentato la candidatura - all'Avviso Pubblico regionale per le candidature di progetti "per il rafforzamento delle reti locali per il contrasto agli sprechi alimentari e farmaceutici e il recupero delle eccedenze".

Il progetto si svilupperà ora secondo due principali fasi di attuazione:

1. Gli Organismi Di Volontariato si occuperanno di acquistare i beni strumentali necessari per il trasporto dei generi alimentari, mediante Volontari muniti di bici con portapacchi isotermici, borse termiche/frigo o zaini food delivery, i quali trasferiranno tali beni presso le sedi degli Enti religiosi o direttamente alla famiglie più bisognose;

2. Seguiranno Attività sussidiarie e strumentali e di sensibilizzazione e comunicazione rivolte alla collettività con la finalità di accrescere la partecipazione attiva della comunità e ridurre i tempi della redistribuzione per una più efficace azione di contrasto agli sprechi. Sarà fondamentale un'attività di animazione, formazione e comunicazione a favore delle imprese/attività commerciali presenti sul territorio con incontri dedicati alla riduzione degli scarti alimentari e alla massimizzazione dei profitti. Indispensabile sarà, inoltre, un'attività di animazione/sensibilizzazione nelle scuole: educando i bambini ad un consumo consapevole e razionale del cibo, verranno sensibilizzati di conseguenza anche gli adulti di famiglia all'azione di contrasto agli sprechi alimentari.

Ruolo fondamentale sarà ora quello di sensibilizzare e coinvolgere i produttori dei beni alimentari sotto scadenza (ristoranti, panificatori, supermercati etc.) che già si sono mostrati sensibili con il progetto del pranzo sospeso.

A proposito

Questa pagina contiene la pubblicazione del 13.05.19 13:07.

Avviso alla cittadinanza è la precedente pubblicazione.

Elezione dei membri del Parlamento Europeo spettanti all'Italia di domenica 26 maggio 2019- Agevolazioni tariffarie per viaggi ferroviari, via mare, autostradali e aereo è la successiva pubblicazione.

Cerca i contenuti recenti nella pagina iniziale oppure guarda in archivio per cercare tutti i contenuti.