Servizio di igiene urbana - nuova gara d'appalto

Ai sensi dell'art. 24 della Legge Regionale n.24 del 20/08/2012, è fatto divieto ai Comuni di indire nuove procedure di gara per l'affidamento dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto.

La Regione Puglia ha recentemente varato (BURP 24 Agosto 2012) la nuova legge regionale sui servizi pubblici locali ("Rafforzamento delle pubbliche funzioni nell'organizzazione e nel governo dei Servizi pubblici locali"), che si occupa di gestione dei rifiuti e di trasporto pubblico.
L'articolo 24 della nuova legge regionale ("Gestione della fase transitoria nel settore dei rifiuti") blocca di fatto le gare per la gestione dell'igiene urbana in tutti i Comuni della Regione, vietando tassativamente sia di bandire nuove procedure di gara per l'affidamento dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto, che di aggiudicare gare già bandite.

Tali divieti saranno operativi sino a quando la Regione Puglia approverà le proposte di riperimetrazione territoriale avanzate dai Comuni (ARO), nominerà l'autorità regionale di controllo e pubblicherà il piano regionale dei rifiuti.

L'approvazione di questa legge causerà al Comune di Modugno, che era pronto a pubblicare il bando di gara per l'igiene urbana, uno spiacevole ritardo di alcuni mesi nell'avvio della nuova gestione dei rifiuti che, come previsto, porterà comunque alla scomparsa dei cassonetti stradali e alla raccolta "porta a porta" su tutto il centro urbano, con l'obiettivo di raggiungere le percentuali di raccolta differenziata indicate dalla normativa nazionale vigente.

Il Comune di Modugno ha già completato tutte le procedure preliminari richieste dalla nuova legge regionale (invio proposta di nuova perimetrazione dell'ARO, previsione di una Unione di Comuni, elaborazione e approvazione di un capitolato di gara che preveda la differenziazione spinta e la riduzione della produzione dei rifiuti, previsione di un cronoprogramma per l'estensione del bando di gara agli altri Comuni dell'ARO).

Tuttavia, sino a quando la Regione non completerà le procedure burocratiche previste dalla legge (si prevede una latenza di circa 5-6 mesi), il Comune di Modugno, come tutti i Comuni pugliesi con contratti in scadenza o già scaduti, è costretto ad un periodo di proroga con il vecchio gestore.

In questi mesi di attesa si cercherà comunque di sfruttare al meglio gli strumenti che l'attuale gestore mette a disposizione per migliorare la differenziazione dei rifiuti nella nostra città.

Quando la Regione sarà pronta, la ARO costituita dai Comuni di Modugno, Binetto, Bitetto, Bitritto, Palo del Colle, Giovinazzo, Sannicandro sarà sicuramente tra le prime a partire con le procedure di gara e con una visione strategica e innovativa della gestione dei rifiuti, secondo quanto previsto dalla strategia "Rifiuti Zero".

A proposito

Questa pagina contiene la pubblicazione del 06.09.12 11:37.

Raccolta oli vegetali esausti è la precedente pubblicazione.

L'Amministrazione Comunale promuove un mercatino dei libri scolastici usati, nelle domeniche di settembre e ottobre è la successiva pubblicazione.

Cerca i contenuti recenti nella pagina iniziale oppure guarda in archivio per cercare tutti i contenuti.